Archivi tag: pop

Tracy Chapman, storia del folk

La songwriter di Clevaland è stata una delle protagoniste indiscusse della scena rock-folk degli anni ’80. Ragazza timida e introversa, Tracy si esprimeva decisamente meglio nelle sue canzoni, accompagnate da una chitarra acustica suonata con naturalezza e talento. L’originale commistione di blues e gospel della sua musica si legava a testi di grande impegno sociale e se, nel corso della sua carriera, non sono mancati gli alti e i bassi, quel disco del 1988 che porta il suo nome fu un esordio sfolgorante…

Tracy Chapman Il primo album della cantautrice americana, pubblicato nel 1988, è un gran bel biglietto da visita, d’altronde contiene canzoni come Talkin’ ‘bout A Revolution e Fast Car: i due brani tuttora più celebri di Tracy. L’unica cosa negativa è che sono “bruciate” all’inizio della tracklist ma i brani seguenti sicuramente non demeritano. La gran voce dal timbro particolare, il sound miscelato di Pop, Rock e Folk tinto di afro, le tematiche sociali affro … Read More

via Guida Galattica per i Musicisti

Lascia un commento

Archiviato in Music

Torna il “Sussidiario illustrato della giovinezza” dei Baustelle

Torna nei negozi il primo album dei Baustelle, quel Sussidiario illustrato della giovinezza che fece scoprire il gruppo senese alla critica e ad un selezionato pubblico underground, innamoratosi del loro stile originale e un po’ vintage…

"Sussidiario illustrato della giovinezza" ripubblicato dai Baustelle Il nome Baustelle fu scelto dal gruppo formato dai quattro studenti senesi sfogliando un dizionario italo-tedesco e il termine, che significa “cantiere”, esprime bene una certa sensazione di “lavori in corso” del loro primo disco, quel Sussidiario illustrato della giovinezza, quasi un concept album, autoprodotto con la collaborazione di Amerigo Verardi, che ripercorreva e ricostruiva con originalità 40 anni di musica pop. Il Sussidiario, pubblica … Read More

via linkaland

Lascia un commento

Archiviato in Music

John Lennon adolescente e ribelle in “Nowhere Boy”

Arriva nelle sale italiane il 3 dicembre il film che ci racconta l’adolescenza di John Lennon e la Liverpool pre-Beatles…

"Nowhere Boy", John Lennon teenager ribelle Ad oltre un anno di distanza dalla sua presentazione al London Film Festival, arriva anche in Italia, il prossimo 3 dicembre, Nowhere Boy (sito ufficiale), il film d’esordio della fotografa e regista inglese Sam Taylor-Wood. La trama ci porta nella vita del quindicenne John Lennon, che vive con la zia autoritaria e conformista che lo ha cresciuto, proprio quando scopre che sua madre Julia è ancora viva e abita nello stesso quartiere nei sobborghi … Read More

via linkaland

Lascia un commento

Archiviato in Movies

Un film con la musica dei Beach Boys

Con un assegno a sette zeri Fox 2000 si è aggiudicata i diritti per la realizzazione di un film musicale dedicato ai Beach Boys, battendo la concorrenza della Universal. Il progetto dovrebbe essere quello di realizzare non una biografia della band, ma un musical ispirato alle loro canzoni, sullo stile di Mamma Mia!, il film con Meryl Streep e Amanda Seyfried, che ha intrecciato la sua trama con il meglio della discografia degli ABBA. I produttori saranno Craig Zadan e Neil Meron, gli stessi che hanno realizzato Hairspray e stanno lavorando insieme al remake di Footlose. Coinvolto con loro nel progetto anche John Stamos, l’attore di origine greca che in passato ha partecipato come batterista ad alcuni tour dei Beach Boys, apparendo anche nel video della hit Kokomo.  La sceneggiatura, di cui ancora non si conoscono né il titolo né i dettagli della trama, potrebbe essere affidata a Susannah Grant, l’autrice di Erin Brokovich e Il solista, anche lei pronta a dividersi tra questo film e il nuovo Footlose.

fonte: http://www.billboard.com

Lascia un commento

Archiviato in Movies

La canzone più fraintesa è dei REM

Se vi è capitato di sentirvi frustrati perché non riuscivate a comprendere il testo di una canzone straniera senza aiutarvi con preziosi siti di lyrics, sappiate che spesso gli stessi inglesi, limitandosi all’ascolto, fraintendono i versi di canzoni anche famose, stravolgendone il significato. Il Daily Telegraph ha stilato una classifica dei mondegreen, termine che indica l’errata percezione di una frase, più diffusi tra i britannici. Al primo posto tra le incomprese c’è The Sidewinder Sleeps Tonite dei R.E.M., il cui verso ”call me when you try to wake her” viene confuso con “calling Jamaica”, provate ad ascoltarla e capirete. Subito dopo c’è Purple Haze di Jimi Hendrix, con “excuse me while I kiss the sky” che ascoltato può diventare un ben più equivoco “excuse me while I kiss this guy”. Nella top ten delle incomprese troviamo anche Smells Like Teen Spirit dei Nirvana, e qui bisogna fare attenzione perché molti confondono le emozioni di Kurt Cobain che canta ”Here we are now, entertain us” con la malinconia da terremotato di ”Here we are now, in containers”. Per saperne di più su questi e altri incredibili errori d’ascolto, vi basta cliccare sul link qui sotto.

link: www.telegraph.co.uk/culture/music/music-news/8015543/REM-song-is-most-misheard.html

3 commenti

Archiviato in Music